Statuto

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE SCOUTING PUGLIA

 

DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

 Art.1

E’ costituita l’associazione culturale denominata SCOUTING PUGLIA. L’Associazione ha sede in Bari, via Conte Giusso n. 19 ed ha durata illimitata.

Art. 2

L’Associazione è apartitica, aconfessionale, non persegue scopi di lucro ed è finalizzata alla promozione a livello internazionale della conoscenza del territorio pugliese.

Art.3

1. L’Associazione si propone di perseguire le seguenti finalità:

a)     promuovere la conoscenza e la valorizzazione delle risorse artistiche, culturali e naturali della regione Puglia attraverso tutti i canali promozionali che l’associazione riterrà opportuno adottare sul web, in primis, il portale web “Scouting Puglia” (www.scoutingpuglia.com)  ed altri portali e siti web che potranno essere realizzati nel corso dell’esistenza dell’Associazione;

b)     divulgare, promuovere e diffondere qualsiasi attività di carattere culturale, sportivo non agonistico, ricreativo attraverso tutte le forme possibili di contatti fra persone, enti ed associazioni nel contesto del territorio della regione Puglia;

c)      promuovere attività culturali ed organizzazione di eventi legati alle attività artistiche e creative di ogni genere;

d)     promuovere e pubblicizzare attività di ufficio stampa, realizzazione di apparati illustrativi, packaging, realizzazione di booktrailer, animazioni 2D e 3D, organizzazione di workshop professionali, agenzie di pubblicità, gallerie d’arte, realizzazione di web e multimedia, realizzazione di servizi fotografici, videoproduzioni, progettazione grafica, immagine coordinata, anche tramite servizi di terzi;

e)     pubblicazione di articoli editoriali di propria ideazione;

f)      proporsi come luogo di incontro, di aggregazione,  discussione e laboratorio per i Soci;

g)     favorire la crescita culturale dei soci attraverso iniziative di formazione specifica realizzate in collaborazione con enti locali, associazioni, scuole, ecc.;

h)     valorizzare le tradizioni popolari e religiose pugliesi;

i)       associare educazione, formazione e turismo ambientale promuovendo altresì attività di soggiorno, campeggio, ecologia, viaggi ed escursioni;

j)       in via non prevalente, per il raggiungimento degli scopi associativi, l’Associazione potrà anche promuovere l’organizzazione di viaggi, escursioni, esperienze enogastronomiche, iniziative di carattere editoriale, cartacea e non, gestione di attività ricreative;

k)     promuovere e realizzare ogni altra iniziativa direttamente o indirettamente rispondente alle finalità dell’Associazione.

2. Per la realizzazione delle proprie finalità, l’Associazione potrà assumere o ricorrere a professionisti, esperti o altro personale specializzato estraneo all’Associazione.

3. L’Associazione potrà, in via accessoria, ausiliaria, secondaria, strumentale, ed in ogni caso marginale, svolgere attività commerciale per il raggiungimento degli scopi sociali.

4. L’Associazione destinerà i fondi raccolti per la realizzazione dei fini sociali.

I SOCI

 Art. 4

1. La qualifica di socio si acquisisce al momento della prima effettiva prenotazione dei servizi erogati dal portale web Scoutingpuglia.com, con conseguente accettazione del presente Statuto.

2. La qualifica di socio comporta il riconoscimento del diritto di partecipare alle attività associative.

3. La partecipazione dei soci all’Associazione non potrà essere temporanea.

Art. 5

1. La qualifica di socio non comporta alcun costo,  impegno o vincolo di alcun genere.

2. Tutti i soci saranno iscritti automaticamente alla newsletter informativa dalla quale potranno cancellarsi in qualunque momento.

Art. 6

I soci, il cui numero è illimitato, hanno l’obbligo di osservare lo Statuto e di rispettare le decisioni degli Organi dell’Associazione.

Art. 7

1. La qualità di socio si perde per decesso, dimissioni ed espulsione.

2. Il socio può essere espulso quando ponga in essere comportamenti che provocano danni materiali o morali all’Associazione.

3. L’espulsione è deliberata dall’Assemblea su proposta dei Consiglio Direttivo dopo aver ascoltato, a sua difesa, il socio interessato.

Art. 8

La perdita, per qualsiasi causa, della qualità di socio non dà diritto alla restituzione di quanto versato all’Associazione, essendo altresì escluso alcun diritto in capo a quest’ultimo sul patrimonio della stessa.

Art.9

Potranno essere soci dell’Associazione anche gli Enti e le persone giuridiche che ne condividano gli scopi, mediante l’istituto dell’affiliazione.

Art.10

L’Associazione potrà aderire ad Enti, Federazioni ed Associazioni a carattere nazionale ed internazionale, mantenendo la propria autonomia. La stessa potrà procedere a stipulare convenzioni con Enti pubblici e privati, strutture ricettive, musei, punti di ristoro o altre tipologie di attività, anche commerciali, al fine di offrire ai soci proficue opportunità e facilitazioni.

L’ASSEMBLEA

 Art. 11

Gli organi dell’Associazione sono: l’Assemblea dei soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente.

Art. 12

L’Assemblea dei soci è l’organo sovrano dell’Associazione. E’ convocata dal Presidente, in via ordinaria, almeno una volta l’anno per l’approvazione del rendiconto e per affrontare le problematiche più rilevanti per la vita dell’Associazione, anche in riferimento alle finalità educative che l’Associazione si prefigge. E’ comunque convocata ogni volta che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno, ovvero quando venga fatta richiesta da almeno un terzo dei soci.

Art. 13

La convocazione dell’Assemblea deve essere effettuata almeno otto giorni prima della data della riunione mediante comunicazione inviata via email ai soci. L’avviso di convocazione deve contenere il giorno, l’ora ed il luogo della prima e della seconda convocazione, nonché l’ordine del giorno.

Art. 14

Possono intervenire all’Assemblea, con diritto di voto, tutti i soci. Ogni socio ha diritto ad un solo voto e potrà farsi rappresentare, con delega scritta, da altro socio. Ogni socio può essere portatore di una sola delega.

Art. 15

1. In prima convocazione l’Assemblea è validamente costituita con la presenza della maggioranza assoluta dei soci, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti. Tra la prima e la seconda convocazione deve intercorrere almeno un’ora.

2. Le delibere sono adottate a maggioranza dei presenti.

Art. 16

L’Assemblea dei soci ha competenza in merito:

- all’ approvazione annuale del rendiconto;

- all’elezione ogni due anni del Consiglio Direttivo, costituito da un numero di componenti non inferiore a tre;

- alle deliberazioni su ogni argomento sottoposto al suo esame dal Consiglio direttivo.

Art. 17

Le modifiche statutarie sono deliberate dall’Assemblea con il voto favorevole di almeno la metà dei soci, mentre lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio è deliberato con il voto favorevole di almeno due terzi dei soci.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO E IL PRESIDENTE

 Art. 18

Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione. Esso è composto da un minimo di tre membri; tutti i componenti durano in carica due anni e possono essere rieletti.

Art. 19

Il Consiglio Direttivo è dotato dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione. Spetta inoltre al Consiglio Direttivo:

a) stabilire annualmente il calendario delle attività;

b) fissare la data dell’assemblea annuale;

c) redigere il rendiconto annuale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale;

d) predisporre la relazione dell’attività svolta;

e) assicurare un corretto uso delle strutture e degli strumenti tecnici di cui l’Associazione si avvale per le proprie attività;

f) adottare le misure necessarie allo svolgimento dell’attività dell’Associazione;

g) attuare le deliberazioni dell’Assemblea;

h) proporre all’Assemblea l’espulsione di soci.

Art. 20

1. Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta all’anno ovvero ogni qual volta il Presidente lo riterrà necessario.

2. Le cariche direttive sono a titolo gratuito.

Art. 21

1. Il Presidente dell’Associazione è eletto dal Consiglio Direttivo tra i propri componenti, dura in carica per tutta la durata del Consiglio Direttivo e può essere rieletto. Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione e a lui potranno essere delegati parte dei poteri spettanti al Consiglio Direttivo. Compete al Presidente convocare e presiedere l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo.

2. Nell’ambito del Consiglio Direttivo potranno essere eletti uno o più Vice Presidenti, di cui uno designato Vicario, ed un Tesoriere.

Art. 22

Qualora durante il mandato vengano a mancare uno o più consiglieri si procederà alla sostituzione facendo subentrare i primi non eletti, che rimarranno in carica fino alla scadenza del mandato del consigliere sostituito. Il Consiglio Direttivo si considera decaduto quando vengano a mancare i due terzi dei componenti. In questo caso l’Assemblea, convocata dai membri ancora in carica, eleggerà i nuovi componenti del Consiglio Direttivo.

ESERCIZIO SOCIALE E PATRIMONIO

Art.23

L’esercizio sociale ha durata annuale, dal 1 Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno.

Art. 24

1. Il patrimonio sociale sarà così costituito:

-        dai contribuiti versati dai Soci;

-        dalle elargizioni, donazioni e lasciti dei Soci, dalle sponsorizzazioni dei sostenitori dell’Associazione;

-        dai contributi ministeriali, regionali, internazionali e di ogni altro ente locale o pubblico e/o privato;

-        dai beni acquistati con detti contributi, elargizioni, donazioni, lasciti, rimborsi;

-        dal corrispettivo di servizi erogati dall’Associazione a terzi, fatto salvo il divieto di redistribuzione degli eventuali utili fra gli associati.

2. Eventuali avanzi di gestione o fondi di riserva non potranno essere distribuiti nè in forma diretta nè indiretta tra i soci, salvo che la destinazione o distribuzione non sia imposta dalla legge, ma dovranno essere utilizzati per il raggiungimento dei fini istituzionali.

SCIOGLIMENTO

Art. 25

1. Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato, su proposta dei Consiglio Direttivo, dall’Assemblea dei soci, con le maggioranze previste dall’art. 17 del presente statuto, allorquando si verifichi una delle seguenti ipotesi:

-        raggiungimento dello scopo;

-        sopravvenuta impossibilità al perseguimento dello scopo;

-        venir meno della totalità degli associati.

2. L’eventuale patrimonio residuo sarà devoluto ad enti con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità individuati dall’Assemblea dei soci, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

MODIFICHE STATUTARIE

 Art. 26

1. Il presente statuto potrà essere modificato dall’Assemblea dei soci, con le maggioranze previste dall’art. 17 del presente documento, su proposta del Consiglio Direttivo o della maggioranza dei soci.

2. Non potranno, però, essere modificati gli scopi dell’Associazione.

NORME FINALI

Art. 27

Per quanto non espressamente contemplato nel presente statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le altre disposizioni di legge vigenti in materia.

2016 © Scouting Puglia | C.F. 93444380724 - Webdesign LIVE Concept